mercoledì 30 dicembre 2009

BUON 2010..............

Glitter Graphics

Happy New Year Glitter Pictures



Ed eccoci qui, a festeggiare il nostro primo capodanno sul Blog, e come si fa alla fine dell'anno, a valutare l'andamento dello stesso Blog

Francesca ed io, siamo soddisfattissime di come questo primo anno (in realtà sono soli 6 mesi) sia andato, poichè abbiamo visto crescere e rinvigorirsi questo progetto a tanto sognato, valutato e in fine creato.

Rngraziamo tutti gli utenti, sia quelli fissi che gli occasionali per averci fatto compagnia in questo tempo, e rinnoviamo l'invito a seguirci nel nuovo anno, sempre con (buonissime) ricette e talvolta qualche racconto che aiuta a sognare un po'
felice anno nuovo a tutti

Stefania&Francesca

lunedì 28 dicembre 2009

Premio...............


Ma che bello il mio primo premio per il mio blog sono davvero contenta ho cominciato sosì per gioco ma adesso non so farne a meno,
Ringrazio molto Francesca del blog pentoleeallegraia di aver pensato a me, io lo accetto con immenso piacere!!!


"Nenhum olhar e' mais puro do que uma criança"


Il premio è stato creato da "Arte da Li" http//li-katuki.blogspot.com



Per ritirarlo si devono rispettare le seguenti regole:


1 - Postare la frase "Nenhum olhar è mais puro do que una criança"


2 - Postare il premio


3 - Far riferimento al forum "Arte da Li" http//li-katuki.blogspot.com


4 - Lasciare un commentoi rivolto a chi ti ha lasciato il premio


5 - Passare il premio a 10 amiche ed avvisarle

mercoledì 23 dicembre 2009

Buon Natale


(http://www.pixdaus.com/single.php?id=107663&from=email )


Siamo ad augurare un sereno natale a tutti gli utenti del blog, che in questi giorni di festa possiate godere della tranquillità e della serenità che questo periodo natalizio infonde.
Dandoci appuntamento a dopo le feste, vi auguriamo delle felici vacanze.



(http://pixdaus.com/single.php?id=215021&from=email)

mercoledì 16 dicembre 2009

Mele..........

Falso Cheesecake alle Mele




Questa ricetta l'ho presa dal sito http://www.piggyscookingjournal.com/

Ingredienti:

Per la base

80g di biscotti, frullati (io ho usato il pan di stelle)
35g di burro

Finto Cheesecake

250 g di philadelphia, a temperatura ambiente
45g di burro, a temperatura ambiente
100g di zucchero
2,5 cucchiai di yogurt naturale
1 uovo, a temperatura ambiente
1 cucchiaio di farina
1 cucchiaio di maizena

Finitura

1 -2. mele
3 cucchiai di marmellata di albicocche
2 cucchiai di acqua

Procedimento

Per preparare la crosta

Ungete leggermente una tortiera.
E in una ciotola di medie dimensioni, amalgamare i biscotti tritati e il burro fuso.

Premere bene il miscuglio di biscotti sulla base della teglia appiattendolo bene.
Coprire e conservare in frigorifero per almeno 30 minuti.


Per preparare il cheesecake
In una ciotola separata, sbattere il burro e la crema di formaggio con un miscelatore elettrico fino a quando non è bianco e spumoso.

Aggiungere lo zucchero in due volte, e mescolare bene, quindi aggiungere l’uovo amalgamarlo.
Setacciate la farina sopra la pastella e poi mescolare accuratamente.

Rimuovere il tegame dal frigo, e versare la pastella sulla crosta di biscotti fredda.
Tagliate a fettine sottili la mela e disporle sulla pastella.


Cuocere in forno pre-riscaldato a 160 gradi °C per 25 minuti, quindi aumentare la temperatura a 180 ° C e cuocere per altri 25 minuti.

Lasciate raffreddare la torta a temperatura ambiente. Nel frattempo, scaldare la marmellata di albicocche con l’acqua, fino a raggiungere una consistenza spalmabile.
Pennellare bene la parte superiore della torta.

sabato 12 dicembre 2009

Pane.................

Pane all’Aglio e Olio D’oliva

Questa ricetta l’ho presa dal libro “Fare il Pane” E l’ho fatta con la macchina del pane

Per un pane da 600 gr
200 ml di acqua
2 cucchiai di olio d’oliva
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaino di succo di limone (io non l’ho messo)
270 gr di farina di tipo 1
80 gr di farina di farro
2 spicchi d’aglio premuti con lo spremi aglio
2 cucchiaini di lievito di birra disidratato

Procedimento
Mettere gli ingredienti come elencati nella macchina del pane e usare il programma per pane bianco.

giovedì 10 dicembre 2009

Mele..........

Clafoutis Mele, e Uvetta

per 4 clafoutis

3 uova
180 ml di latte
6 cucchiai di zucchero
3 cucchiai di farina
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
2-3 di mele
2 cucchiai di burro non salato
1 stecca di vaniglia
1 cucchiaio di zucchero
40 gr di uvetta
Preriscaldare il forno a 180°C imburrare le pirofiline e mettere da parte.
Mettere a bagno l’uvetta come più ci piace o nel liquore o in acqua appena tiepida per farla rinvenire.
Sbattere insieme le uova, il latte e lo zucchero in una ciotola media. Aggiungere la farina setacciata e amalgamare. Aggiungere la vaniglia e amalgamare.
Lavare e sbucciare le mele. Tagliatele a fette spesse.
Sciogliere a fuoco medio il burro in una padella di medie dimensioni.
Tagliare il baccello di vaniglia e raschiare i semi nel burro.
Aggiungere le fette di mela e mescolare per coprirle uniformemente. Cospargete di zucchero sopra le mele. Cuocere per circa 5 minuti fino a quando le mele si sono ammorbidite ma non ammollate devono rimanere croccanti aggiungere l’uvetta strizzata e mescolare.
Riempire ciascuna pirofilina per metà con l’impasto per clafoutis preparato precedentemente.
Dividete le fette di mela tra i piatti. Non riempendole troppo, circa 8 fette dividendo anche l’uvetta uniformemente.
Riempire le pirofiline con il resto della pastella, poco sotto il bordo.
Mettere in forno e cuocere per circa 20-25 minuti, fino a quando i clafoutis sono gonfiati, e i bordi sono dorati.
Togliere dal forno e lasciate raffreddare per un paio di minuti prima di servire. Puoi spolverare con zucchero a velo.

mercoledì 9 dicembre 2009

Honest scrap: 10 cose di me


rispondo all'invito di Cioccolato e Cannella, ed eccomi qui a dire 10 cose di me.
Ringrazio "cioccolato e Cannella" per l'invito a partecipare.
:D



1. Sono Stefania, nata il 6 settembre 74 vicino a torino

2. Sono la prima figlia di una coppia un po’ particolare, divertente. Con i miei fratelli, ho un ottimo rapporto che mi porta a stare male se sono lontani, e a cercarli quando non li sento per un po’. Ovviamente, abbiamo passato i nostri momenti di litigate tra di noi, quando vivevamo insieme, ma ad oggi, ci manchiamo a vicenda quando siamo lontani

3. Ho sempre voluto crearmi una famiglia, sin da adolescente sognavo il focolare, con un marito e tanti pupi, e adesso sto realizzando questo sogno. Sono sposata da più di un decennio con un uomo fantastico, che amo come il primo giorno, ed abbiamo due fantastici bimbi. Bravi e simpatici.
Anche loro, come me, adorano i miei fratelli; il più piccolo in particolare, che avendo 18 anni, si presta bene a giocare con loro le domeniche pomeriggio d’inverno

4. Adoro cucinare!!! Passione, svago, creatività… Tutto o quasi lo “butto” tra pentole e fornelli. Mi piace cucinare e personalizzare piatti semplici, rendendoli miei. Aggiungendo, togliendo o modificando qualcosa. Organizzo spesso pranzi o cene per parenti ed amici. Lo scorso anno, ho preparato un intero pranzo per mia sorella e i suoi amici, che hanno apprezzato tutto, godendosi la giornata di sole in collina tra piatti freddi e caldi. Mi piace guardare l’espressione della gente quando assaggia un piatto “normale” che ho personalizzato. È come quando fai un regalo ed ammiri l’espressione sul viso della persona a cui fai il regalo

5. Amo viaggiare, e con il lavoro di mio marito, posso farlo nei periodi “non canonici”. Non agosto o natale, ma fuori stagione, quando la gente non affolla le città d’arte, le vie o le autostrade. Questo modo di muovermi al di fuori dei canoni, mi fa sentire privilegiata. Adoro l’italia, le sue città d’arte, con un debole per Venezia, nella quale ci torno spesso e sempre molto volentieri. Mi piace, anche, perdermi per sentieri, strade al di fuori dei percorsi turistici: colline, montagne o spiaggette non sempre visibili agli occhi dei turisti. È come riscoprire i luoghi nascosti.

6. Sport!!! Sin da piccola ho praticato nuoto! E l’immergermi in una piscina dove poter nuotare mi dà un senso di libertà! Negli ultimi tempi, ho scoperto lo Yoga e il pilates, che mi danno sempre un senso di benessere a fine lezione. Pratico anche tennis, ma mi sto avvicinando adesso a quest’attività, spinta dal marito giocatore ed appassionato.

7. Il mio papà, mi ha passato la passione per la cucina, e la mia mamma la passione per il giardinaggio, attività che svolgo nella stagione primaverile ed estiva; mentre in inverno mi dedico a tutte quelle attività strettamente casalinghe, magari un po’ retrò come l’uncinetto, il ricamo il decupage

8. Adoro stendermi davanti al caminetto, alla sera d’inverno dopo aver mandato i bimbi a letto e armata di Klinex guardare i film romantici. “ladyhawke”, “colazione da Tiffany” “ C’è posta per te” “insonnia d’amore” non passa un periodo natalizio senza che mi guardi “angeli con la pistola” e “The Family man”

9. Adoro leggere! Sempre prima di dormire devo leggere qualche pagina dei miei libri, in prevalenza fantasy

10. Mi piace passare le serate insieme agli amici, magari davanti ad un tavolo a chiacchierare, a parlare di tutto e di tutti. Amorevoli serate a parlare, ridere e scherzare.

adesso, a voi...lo passo a
Sunflowers8 - Oggi pane e salame, domani.....
Cris - Oggi cucino io
Morena - Menta e cioccolato
Macfamiglia - Mezzoggiorno di cuoco
Angy - Un pizzico di tutto
Irene - Magico forno
Sandra - Un tocco di zenzero
La tana del coniglio
Piccola cuoca - Che profumino

ciao
Stefania

martedì 1 dicembre 2009

Biscotti..................

Ricky, era impaziente e correva sempre dalla mamma a chiedere quando i suoi amichetti sarebbero arrivati.
Non vedeva l’ora di correre nel prato dietro casa tirando calci al pallone, giocando a nascondino, correre in bicicletta con loro.
Era il giorno del suo compleanno e voleva che tutto fosse perfetto!
Era mezzogiorno, e i suoi amichetti non sarebbero arrivato prima delle quattro
La mamma gli preparò il pranzo, e volle che Ricky mangiasse tutto, prima di metterlo a nanna per un’oretta, così lei avrebbe preparato i biscotti e le pizzette, e poi papà sarebbe andato a ritirare la grande torta con le candeline.
Ricky, nel suo lettino, non riusciva a prendere sonno, e chiamava sempre la mamma.
“ma verranno tutti?”
“e tra quanto arrivano?”
“ci sarà anche Victor? E Paul?”
La mamma accarezzò la fronte del suo piccolo ometto, prima di darle un bacio rassicurandolo che tutti i suoi amici si sarebbero radunati per festeggiarlo.
Con molta fatica, Ricky si addormentò, e in uno spazio di tempo che sembrò velocissimo, la mamma lo stava già chiamando:
“Ricky! Ricky svegliati!”
“… è arrivato Victor!” disse amorevolmente la mamma.
Ricky schizzò in piedi nel lettino, scese e si rivestì velocemente, prima di correre in giardino a giocare a pallone con Victor, Paul e tutti gli altri.


Biscotti al Limone
Ingredienti

450 gr di farina bianca
1 cucchiaino di lievito in polvere
250 gr di burro
250 gr di zucchero
4 cucchiai di latte
La scorza gratuggiata di un limone
1 uovo e 1 tuorlo
Un pizzichino di sale

Procedimento

Mescolare la farina il lievito e il sale in una ciotola. Lavorate il burro morbido e lo zucchero in una ciotola fino a ottenere una crema bianca e spumosa.

Unire il latte ,l’uovo il tuorlo e la scorza del limone. Poi incorporare la farina lavorando il composto fino a ottenere una pasta omogenea.

Avvolgere la pasta in pellicola trasparente e mettere a riposare in frigo per almeno 1 ora.

Scaldare il forno a 180°C. Rivestire una teglia con carta forno.

Stendere la pasta su una superficie infarinata, per uno spessore di 6 cm. E tagliare i biscotti con un taglia biscotti rotondo e sistemarli sulla teglia preparata.

Fare cuocere i biscotti in forno per 12 minuti fino a doratura. Trasferirli su una griglia e farli raffreddare completamente.

Ingredienti per la glassa

150 gr di zucchero al velo
5 cucchiai di succo di limone
Colorante alimentare blu

Procedimento

Mettere lo zucchero al velo in una ciotola. Unire il succo di limone e mescolare a ottenere una crema se troppo morbida aggiungere ancora zucchero mettere due cucchiai di glassa in un'altra ciotola e colorarla con qualche goccia di colorante blu. Decorare i biscotti e farli asciugare bene prima di gustali.



sabato 28 novembre 2009

Insalata.............

Semplicemente un Insalata


Ingredienti

2 cespi di insalata “scarola”
2 spicchi di aglio
5 filetti di acciuga
Sale
Olio

Procedimento

Lavare e scolare bene l’insalata tenendo solo il cuore metterlo in una ciotola.

Far cuocere a fuoco dolce le acciughe con poco olio e l’aglio premuto con lo spremi aglio e farle sciogliere spegnere e condire l’insalata aggiustare di sale (facendo attenzione che le acciughe sono già salate).









martedì 24 novembre 2009

Spinaci .................

Le foglie, si lasciano cullare dal leggero vento freddo che le accarezza, mentre sono ancora ancorate all’albero, prima di lasciarsi cadere su un letto di altre foglie.

http://www.pixdaus.com/single.php?id=97571#comment-form
I colori che l’autunno regala in questa stagione, a queste latitudini, sono eccezionali, si passa da un giallo acceso, ad un arancione ad un marrone; mentre alcune piante presentano ancora le foglie di un verde acceso.

Il rosso della vite americana dà un tono poetico ed acceso ad un ambiente già di per sé stupendo.
Sto camminando veloce al margine del grande parco cittadino, sono le 5 del pomeriggio e la luce del sole è già lontana, si sta andando a rifugiare dietro le montagne, mentre i lampioni illuminano di una luce gialla fioca le strade.

Nel parco, qualche temerario da running, dotato di cappellino e guanti, per ripararsi dal freddo pungente che ha invaso la città.

Mi chiudo la porta della mia casetta alle spalle, e mi ci appoggio, assaporando il silenzio che la casa mi offre, oltre che il calore che si diffonde dal caminetto.


Mi vesto con abiti comodi e mi vado a stendere sul divano con una tazza di tisana, per immagazzinare calore; sulle gambe tengo una vecchia e logora coperta, che aiuta sempre in queste giornate di freddo.

Mi abbandona alle note del concerto Branderburghese di Bach, quando alle mie spalle sento arrivare mio marito, che si siede al mio fianco, in silenzio.

Godiamo di questi attimi di tranquillità, silenzio e calore umano prima di rimettersi in moto e preparare la cena insieme, per poi tornare ad accoccolarci davanti al grande caminetto.


Tortini agli Spinaci

Ingredienti

Per la pasta brisée

250 gr di farina 00
250 gr di farina integrale
250 gr di burro
1 uovo
Sale

Per il ripieno

500 gr di spinaci
1 cipolla piccola
2 uova
4 cucchiai di panna
150 gr di mortadella
100 gr di formaggio berna

Procedimento


Per la pasta brisée

Disporre sulla spianatoia le farine a fontana con il burro freddo a pezzetti nel mezzo l’uovo e un pizzico di sale.

Lavorare il tutto con la punta delle dita velocemente fino a ottenere un impasto compatto.

Metterlo a riposare in frigorifero per 1 ora avvolto in pellicola trasparente.

Nel frattempo pulire gli spinaci tritare la cipolla e farla soffriggere in poco olio quindi unire gli spinaci leggermente scolati e farli cuocere salare e unire la mortadella tagliata a listarelle, togliere dal fuoco e lasciare raffreddare.

Sbattere in una ciotola le uova con la panna e il formaggio grattuggiato con una gratuggia a fori grandi regolare di sale.

Stendere la pasta e ricoprire uno stampo da crostata o 6 piccoli stampi da tartellette sistemare all’interno gli spinaci e coprire con un po’ di preparato di uova.

Cuocere in forno a 180° per 20 minuti per le tortine piccole o 40 minuti per una torta grande servire calde o tiepide.








domenica 22 novembre 2009

Biscotti..................


E continua il tempo brutto e tre giorni che c’è la nebbia e non ha nessuna intenzione di andare via.

Questo tempo mi deprime non ho voglia di uscire ………… adesso basta!!!!!!!
Faccio qualcosa per tirarmi su il morale e dei biscotti al cioccolato sono l’ideale.

BISCOTTI AL CIOCCOLATO

Ingredienti

120 grammi di burro,
200 grammi di cioccolato,
2 uovo,
120 grammi di zucchero,
200 grammi di farina,
2 cucchiaini di maîzena,
1 cucchiaino di lievito in polvere

Procedimento

Preriscaldate il forno a 180 gradi °C

Fondere il burro e il cioccolato in un bagnomaria.
Montare le uova e lo zucchero fino a renderle bianche e spumose. In una ciotola, mescolare la farina, lievito e maizena.
Aggiungere il cioccolato alla miscela a base di uova quindi aggiungere la farina.

Su una teglia coperta con carta forno, fare un mucchietto di pasta con un piccolo cucchiaio, io ho usato un dosa gelato medio e cuocere per circa 10 minuti.

venerdì 20 novembre 2009

Pollo...............

http://www.pixdaus.com/single.php?id=166274#comment-form

Mi capita spesso di correre dietro ai pensieri della testa.
Di lasciarmi andare, ipotizzare, immaginare e sperare cose e situazioni che la mia fantasia va a creare, formare e rende quasi reali attraverso i canali della mia mente.
Ho un gran bel cervello, e se questo è un punto a mio favore, spesso non mi metto in gioco per paura di non essere apprezzato.







Oggi, la natura ci sta regalando una giornata da un cielo turchese, incredibilmente limpido, il sole è caldo e pulito, insolito per una giornata di metà novembre; e se hai la possibilità di andare abbastanza in alto, vedi in lontananza le montagne.





Adoro soffermarmi a notare, osservare ed apprezzare i regali che la natura ci fa.
In fondo all’anima, sono una romantica.

Mi capita spesso di voler cantare a squarcia gola mentre guido in direzione del tramonto, o di fischiettare una tarantella
mentre faccio la doccia

Talvolta penso che chi non si sofferma su queste piccole cose, in realtà si perde almeno i tre quarti di ciò che lo circonda, e allora a cosa serve dannarsi tanto se non noti neanche le cose più elementari?

http://www.pixdaus.com/single.php?id=48292#comment-form

Pollo al Vino

1 pollo tagliato a pezzi
Timo
Rosmarino
Vino bianco secco
Olio extravergine
Sale pepe

Procedimento


Pulire il pollo lavarlo e asciugarlo, poi disporlo in una padella .

Salate e irrorate il tutto con 5 cucchiaiate di olio, cospargere con gli aghi di rosmarino e le foglioline di timo.

Quindi farlo rosolare a fiamma vivace. Quando è ben rosolato da entrambi i lati bagnarlo con il vino bianco secco e portare a cottura continuando a bagnare con il vino se necessario.


Buono servito con una purea di patate e il suo sughetto.

lunedì 16 novembre 2009

Frittata................


Era da tanto tempo che non si dedicava una giornata per sé stessa.

Il lavoro andava a gonfie vele. Ma le stava assorbendo la linfa vitale
Le sue giornate iniziavano presto al mattino, nell’ufficio della sua agenzia di architettura per interni.




Aveva investito tanto, ma adesso i risultati iniziavano a vedersi.
Era soddisfatta del suo lavoro, ma una giornata di completo relax ci voleva proprio.[…..]
Prese l’auto e si diresse verso il promontorio a picco sul mare.

Era uno di quei posti in cui riusciva a rilassarsi e a ritrovare se stessa.

La stagione turistica non era ancora iniziata, e al promontorio non c’era quasi nessuno.
Si sedette su uno dei massi che erano stati strategicamente posizionati fronte mare, lo stare seduta in completo relax, da sola ad osservare l’immensità del mare era quasi terapeutico.[…..]




Dopo circa un’ora da sola, di fronte all’immensità del mare, decise di concedersi una passeggiata sul molo, al fianco di barche bellissime all’ancora.

Arrivare in porti a lei sconosciuti, dove vedere paesaggi stupendi e miracoli che la natura aveva creato in milioni di anni, baie, insenature e realtà differenti da quelle che aveva sempre conosciuto lei.


Magari, al fianco di un aitante uomo di mare, una di quelle persone con i pantaloni bianchi e i maglioncini a righe scollati a V, ma da cui si intravede l’assenza di T-shirt.
Di quegli uomini con gli occhi verdi, incastonati in un viso abbronzato.[……]

(Fra 235)

Frittata al Forno

Ingredienti

3 zucchine
1 cipolla
6 uova
150 gr di yogurt greco
Sale – pepe


Soffriggere in poco olio la cipolla pulita e tagliata a fettine aggiungere le zucchine pulite e tagliate a rondelle piuttosto sottili (io ho usato la mandolina) farle cuocere un paio di minuti devono essere ancora leggermente croccanti.

In una ciotola dividere i tuorli dagli albumi e montare questi ultimi a neve ben ferma.

Montare i tuorli con una frusta elettrica quindi aggiungere lo yogurt salare e pepare unire delicatamente i bianchi montati a neve e per finire le verdure.

Versare il composto in una teglia coperta con carta forno e cuocere in forno caldo a 180°C.

Servire a piacere.


giovedì 12 novembre 2009

Biscottini........

Gita a Paestum


Conoscere Paestum, l’antica Poseidonia, riconosciuta tra i patrimoni dell’umanità dell’Unesco, è intraprendere un viaggio affascinante nella storia e nell'arte, immergendosi nelle atmosfere suggestive dell'antica cultura greca e romana.



Un viaggio che inizia dall’Area Archeologica di Paestum ammirando l'imponenza dei tre templi dorici, il Tempio di Hera, il Tempio di Atena e il Tempio di Poseidone, situati nell’area sacra, al centro della cittadina di Paestum: splendidi esempi dell’archeologia greca paragonabili per bellezza soltanto al Partendone di Atene.



fonte (http://www.turismoinsalerno.it/capacciopaestum.htm)

Finti Baci di Dama di Frolla Montata

La ricetta per la frolla montata l’ho copiata dal sito

http://www.cookaround.com/

INGREDIENTI:

150g di burro
75g di zucchero a velo
1 uovo intero
225g di farina 00
1/2 cucchiaino di lievito
un pizzico di sale
Nutella


Accendere il forno a 250°C
In una ciotola mettere il burro leggermente ammorbidito e lo zucchero a velo e montare con le fruste elettriche per almeno 5 minuti fino ad avere una bella crema

Aggiungere l'uovo e continuare a montare fino a quando sarà bene amalgamato

Unire la farina mescolata con il lievito e il sale aggiungendola in due volte mescolando delicatamente da sotto a sopra con una spatola di gomma, come per il pan di spagna

Riempire con il composto un sac a poche senza bocchetta. e formiamo i biscotti su una placca rivestita di carta forno.

Mettere in forno caldissimo e dopo un paio di minuti abbassare sui 200°C. Cuocere per 10 minuti circa, dipende dal forno. La prima volta teneteli d'occhio, se cominciano a colorarsi toglierli subito.

...trasferirli su una gratella per farli raffreddare bene, attenzione che da caldi sono molto fragili...

Quando si sono ben raffreddati accoppiarli 2 a 2 con la nutella.

mercoledì 4 novembre 2009

La crostata di mele e mandorle è di Adriano Continisio

La Crostata di mele e mandorle è di Adriano Continisio



Perchè oggi 8 novembre 2009 molti food bloggers e forumisti pubblicano in contemporanea questa ricetta?

Per solidarietà con Adriano Continisio che l'ha inventata e pubblicata sul suo blog già nel 2007.

Riassumendolo in pochissime parole, questa manifestazione vuole porre l'attenzione prima di tutto sulla necessità di un comportamento corretto per chi usa la rete nei confronti di chi pubblica materiale. Spesso si sceglie di mettere a disposizione il proprio materiale o lavoro con una licenza che permette di usarlo a condizione che se ne citi la fonte e questo è già un dono, a nostro avviso. Si dice a chi legge: puoi gratuitamente utilizzare il materiale, puoi prenderlo, ma devi specificare che è mio e dire dove l'hai preso. Non è chiedere molto!

Altra importante condizione è che il materiale non venga usato a scopo di lucro.

Quando tutte e due le condizioni non vengono rispettate è evidente che la cosa è ancor più grave.

Questa volta è capitato ad Adriano, ma nel tempo è già capitato ad altri. Creare un tam tam è forse il primo di tanti passi per avversare il fenomeno, perciò ci siamo uniti e oggi pubblichiamo con il nome del suo autore la ricetta e la foto della crostata che ognuno di noi ha preparato.

E' ora che tutti sappiano di chi è la farina e pure il sacco!!!!!

Ho fatto copia e incolla dal blog di Adriano ma Pultroppo ho dovuto fare delle piccole modifiche che metto tra parentesi






Ingredienti:

400gr pasta frolla
4 mele grandi (ca. 600gr al netto degli scarti)
80gr di zucchero
4 cucchiai di amaretto di saronno
succo di mezzo limone
poca cannella in polvere.

massa di mandorle:

120gr uova intere
60gr zucchero
50gr farina di mandorle
15gr farina di mais fioretto
15gr fecola
un pizzico di sale
estratto di mandorle

una manciata di mandorle a lamelle ( io mi sono dimenticata)
sciroppo di zucchero
marmellata di albicocche (ops io non l'avevo e ho usato quella di lamponi :P)




Saltare a fiamma alta le mele sbucciate e tagliate a cubetti, miscelate con il succo di limone e lo zucchero, fino a che non risultino asciutte ma non spappolate. Incorporare il liquore e la cannella e lasciare raffreddare.

Foderare uno stampo da 26cm e cuocere in bianco per 15 minuti (i primi 10 con carta da forno e riso)

Nel frattempo montare le uova con lo zucchero ed il sale, incorporare delicatamente le polveri e poche gocce di estratto.

Pennellare la frolla con poca marmellata, versare le mele, coprire con la massa e cospargere con le mandorle a filetti.


In forno a 170° per ca. 20 minuti.
All'uscita dal forno lucidare con sciroppo a 30°be.











http://www.profumodilievito.blogspot.com/2007/09/altra-mia-passione-sono-i-dolci.html

lunedì 2 novembre 2009

Pane.................

Mi capita spesso di sedermi ad ammirare le cose che mi circondano, e spesso, mi ritrovo ad emozionarmi


http://www.pixdaus.com/single.php?id=78877#comment-form

La trovo una cosa bella, troppo spesso corriamo, andiamo di fretta, ci dimentichiamo di osservare, guardare, ammirare le cose che ci circondano.
Da qualche anno, vivo vicino ad una importante linea ferroviaria e spesso, mi ritrovo ad osservare i treni che carichi di persone passano davanti a me, mentre io, gustandomi l’avanzare della sera in autunno, mi siedo nel porticato ed aspetto che la sera, la notte avanzi
.




In questi momenti di quiete, quando i rumori del traffico si odono in lontananza e tutt’intorno regna il silenzio, mi abbandono ad osservare i passerotti che cercano il cibo, il gatto che cammina sulla legnaia indisturbato, mentre tutt’intorno una lieve nebbiolina avvolge le cose e la temperatura scende, ricordandomi che l’estate è finita e presto arriverà inesorabile l’inverno.


(Tratto dal racconto "Autunno" di fra235: http://fra235.livejournal.com/2791.html )



Pane di Segale con Fichi e Nocciole

Io l’ho fatto con la macchina del pane
210 ml di acqua
1 cucchiaino di sale
290 gr di farina
70 gr di farina di segale
1 cucchiaino di lievito disidratato
Un cucchiaio di nocciole
Un cucchiaio di fichi secchi tagliati in 4

Mettere tutti gli ingredienti come elencato nella macchina del pane meno i fichi e le nocciole
Avviare il programma per pane e quando la macchina suona unire i fichi e le nocciole.









sabato 31 ottobre 2009

mercoledì 28 ottobre 2009

Plagio!!!

Era accaduto in passato, è accaduto di nuovo!!!

Chi pubblica ricette originali attraverso Blog o forum, non permette al prossimo di spacciarle per proprie.

Chi pubblica ricette sul web, per il puro piacere di condividerle, di suggerire a gente comune e di provare questo o quel metodo di cucinare o di decorare o di servire una pietanza, non deve passare per lo stupido di turno, che si sbatte per una passione, e arriva (quello che si crede) furbo e la distribuisce attraverso la grande distribuzione parlando in prima perdona.
IO ho fatto questa ricetta
IO l’ho cucinata così…
IO…

Attribuire i crediti al diretto proprietario, creatore della ricetta, pietanza o pranzo, sarebbe il minimo.

Senza contare che attraverso gli ascolti TV, la vendita dei libri e riviste chi si è “impadronito” di una ricetta non sua, ne guadagna dei profitti, quindi… la storia è MOLTO più grave!!!!

Non è accaduto a me direttamente, ma sono solidale con
AdrianoC http://profumodilievito.blogspot.com/
LydiaC http://tzatzikiacolazione.blogspot.com/2009/10/ci-risiamo.html

E di tutti i forumer e blogger che hanno subito questa ingiustizia, di cui io non sono a conoscenza.

sabato 24 ottobre 2009

Funghi...........

Partecipo alla raccolta di A spasso con... Solidea e Ale....


Porcino" è il nome popolare di alcune specie di funghi del genere Boletus, spesso attribuito, anche come denominazione merceologica, a quattro specie di boleti (la sezione Edules del genere Boletus) facenti capo al Boletus edulis ed aventi caratteristiche morfologiche e organolettiche vagamente simili.

Qualche micologo è arrivato a farne dodici specie diverse, discriminando a seconda degli ambienti di nascita, gli alberi simbionti, i caratteri microscopici e macroscopici (forma, colorazione e proporzioni del corpo fruttifero).
Dai boschi di querce e di castagno della pianura, alle faggete e abetaie di alta montagna. Si tratta di funghi simbionti, gregari, che possono svilupparsi in gruppi di molti esemplari.


Gli antichi Romani chiamavano questi funghi Suillus per il loro aspetto generalmente tozzo e massiccio, ed il termine porcino ne è l'esatta traduzione. Possono raggiungere facilmente grandi dimensioni: non sono infrequenti ritrovamenti di esemplari di peso superiore a uno o due chilogrammi


Porcini Fritti

Funghi porcini
Farina
Uova
Pangrattato
Sale
Olio per friggere (io uso l’extravergine)

Preparazione

Pulire accuratamente i funghi con un panno umido e raschiando con un coltello le impurità.

Tagliarli a fettine non troppo sottili quindi panateli passandoli nella farina nell’uovo sbattuto e nel pane grattato.
Friggeteli in abbondante olio caldo.
Blog Widget by LinkWithin